venerdì 16 marzo 2018

Salopette I love you

Marzo è cominciato da un pò e la primavera si sente nell'aria: gli uccellini cinguettano, il sole splende e gli alberi fioriscono... dite di no? Mi sa che avete ragione e davvero non se ne può più di questo inverno che continua a perseverare quest'anno. Così non ci resta che sognare e pensare a quando potremmo finalmente indossare i capi cool di questa primavera \ estate come ad esempio la salopette!!! Si con questo post voglio proprio parlare di questa icona, nata nella seconda metà del XIX negli Stati Uniti come indumento da lavoro, realizzata in denim, da Levi Strauss. Venne utilizzata dagli operai per la sua resistenza e comodità per poi passare ad essere indossate nel quotidiano in maniera unisex negli anni '60 - '70 .


pinterest inspiration



Nel corso degli anni la salopette fu realizzata in vari materiali e soprattutto in diverse stili.
Ed appunto è quello che vorrei presentarvi oggi: le varianti per questo capo senza tempo.





vestito a righe Pull&Bear 



ASOS:



Denim in diverse varianti con bretelle sottili dietro 







Denim nero




























taglio sartoriale con quadri






























MANGO: 




 
 
rosso acceso per questo smanicato in cotone stile denim con applicazione a cuore sul dietro e tasche ai lati.














con gonna in tessuto di cotone bianco sporco









Come dicevamo all'inizio, essendo un capo molto confortevole è perfetto per le mamme in dolce attesa. Qua sotto due proposte:





La Redoute Collections- con vita regolabile tramite bottoni





















Envie de Fraise






















giovedì 25 gennaio 2018

Un posto nel mondo

Oggi non si parla di moda o lifestyle, oggi vorrei solo condividere con voi un lungo pensiero che ho trovato tempo fa vagando sul web. Pare lo abbia scritto un certo Joaquín Argente. Ho fatto un po di ricerche sull'autore ma non viene detto molto se non questo:
"Joaquín Argente è un diafherapista e il suo compito è aiutare le persone a recuperare l'elasticità del diaframma, il grande muscolo della respirazione e la circolazione energetica che funge anche da ponte tra il conscio e il subconscio". 
Quello che è sicuro è che ogni sua singola parola mi colpito come un pugno nello stomaco! 






"Mi do il permesso di separarmi da persone che mi trattano bruscamente, con violenza, che mi ignorano, che mi negano un saluto, un bacio, un abbraccio… Da questo preciso momento le persone brusche o violente sono fuori dalla mia vita.
Mi do il permesso di non costringermi ad essere “l’anima della festa”, la persona che mette entusiasmo in tutto o quella sempre disponibile al dialogo per risolvere conflitti quando gli altri nemmeno ci provano.
Mi do il permesso di non intrattenere ed incoraggiare gli altri a costo di stancarmi io: non sono nato per spingerli ad essere sempre al mio fianco.
La mia esistenza, il mio essere è già prezioso.
Se vogliono stare al mio fianco devono imparare a valorizzarmi.
Mi do il permesso di lasciar svanire le paure che mi hanno inculcato da bambino. Il mondo non è soltanto ostilità, inganno o aggressione. Ci sono anche tanta bellezza e gioia inesplorata.
Mi do il permesso di non essere perfetto. Non sono nato per essere la vittima di nessuno. Non sono perfetto, nessuno è perfetto e mi permetto di rifiutare gli schemi altrui: un uomo senza difetti, estremamente impeccabile ovvero disumano.
Mi permetto di non vivere nell’attesa di una telefonata, di una parola gentile o di un gesto di considerazione. Mi affermo come persona che non dipende dalla sofferenza. Non aspetto rinchiuso in casa e non dipendo da altre persone. Sono io stesso a valorizzarmi, mi accetto e mi apprezzo.
Mi permetto di non voler sapere tutto, per non essere sempre presente durante il giorno. Non ho bisogno di molte informazioni, di programmi per il pc, di film al cinema, di giornali, di musica.
Mi do il permesso di essere immune alle lodi o agli elogi smisurati: le persone che fanno troppi complimenti finiscono per sembrare opprimenti. Mi permetto di vivere con leggerezza, senza accuse o richieste eccessive. Non fa per me.
Mi do il permesso più importante di tutti, quello di essere autentico.
Non mi sforzo di compiacere gli altri. È semplice e liberatorio abituarsi a dire di no ogni tanto.
Non mi voglio giustificare: se sono felice, lo sono, se non sono felice, non lo sono. Se un giorno del calendario è considerato come quello in cui sentirsi obbligatoriamente felici, io mi sentirò esattamente come mi sentirò.
Mi permetto di sentirmi bene con me stesso e non come vogliono le usanze o quelli che mi stanno attorno: quello che è “normale” o “anormale” nei mie stati emotivi sarò io a deciderlo."
- JOAQUÍN ARGENTE -



Serena giornata ....

ILARIA 🌟


















martedì 12 dicembre 2017

Outfit: cosa indossare durante le feste

Tic tac, tic tac, il Natale è davvero alle porte e come al solito quando ci mettiamo, soprattuto in questo periodo, davanti all'armadio l'esclamazione è sempre quella: "Ma cosa mi metto per il pranzo di Natale dalla suocera? "Cosa indosso per la cena tra colleghi?'" e "L'aperitivo con le amiche in un locale esclusivo?" 
Ed eccomi qua pronta per darvi gli spunti giusti.

Il brand di cui voglio proporvi qualche idea è ESPRIT, marchio fondato nel 1968 in California e che ora divide le sue sedi tra Germania ed Hong Kong.

Vorrei cominciare da quella che è la mia passione: i vestiti, immancabili nel mio guardaroba perchè cambiando gli accessori ed il trucco si possono davvero stravolgere.
Gli abiti della collezione sono davvero tantissimi, ma ho voluto darvi 3 esempi :




Quello al centro è secondo me il vestito elegante per eccellenza: di raso con linea ad "A" .
Adatto per ogni tipo di party quindi perfetto per le festività natalizie.
 Tacchi alti e gioielli color argento

 
pinterest ph









Un look bicolore per questo bellissimo abito con gonna rivestita in tulle a pois.
 Perfetta con dei sandali bronzo e un maxi cardigan 











Un look decisamente color inverno, speciale e adatto per arrivare al pranzo dalla suocera dove sicuramente apparirete 'candide' ;)





Inutile nasconderlo: 'tulle mon amour' !!!
Le gonne della collezione di Esprit sono davvero tante, ma visto il periodo mi sono lanciata su qualcosa di non scontato. Chi è che non ama sentirsi sempre un pò bimbe in tutù?!




Alcuni esempi di outfit:


tulle per un aperitivo esclusivo ed un tocco di rossetto rosso, mi raccomando.



dolcevita, tulle e stivale sopra il ginocchio: stile perfetto.



Altre le gonne disponibili :


 Perfette per uscire dal lavoro e subito aperitivo con le amiche: via allo scambio dei regali. 






Cenone di capodanno stellare !!! 





Gonna pantalone, maxi cardigan per essere comode e eleganti in ufficio...stravolge il look un rossetto decisamente scuro per la sera.